"Allah Akbar" e colpisce agenti carcere

Ha urlato "Allah Akbar" ('Allah è il più grande'), distruggendo la camera di detenzione, allagando l'intera sezione e lanciando dei pezzi di termosifone che hanno colpito gli agenti penitenziari intervenuti a calmare gli animi. Il detenuto, rinchiuso nel carcere sassarese di Bancali, si è poi barricato nella propria cella, ma gli agenti sono riusciti a bloccarlo, prima che la situazione degenerasse. Lo denuncia la Fp-Cgil Polizia Penitenziaria, secondo la quale "gli eventi critici si verificano con sconcertante periodicità". "E'una vergogna che vi siano detenuti che credono di fare nelle carceri italiane quello che vogliono - tuona il sindacato - Non vogliamo creare allarmismi o strumentalizzare quest'ultimi episodi, ma è del tutto evidente che la frequenza con la quale si registrano eventi critici all'interno delle carceri impone di suggerire ai vertici dell'amministrazione un cambio di rotta e soluzioni immediate a tutela degli operatori che vi prestano servizio".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Cagliari Calcio
  2. La Nuova Sardegna
  3. Sardegna News
  4. Sardegna News
  5. Sardegna News

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Ortacesus

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...